SCIENZA E ARCHEOSOFIA – di Emiliano Sciarra

Nel corso dei secoli, specialmente negli ultimi due, le scienze comunemente intese hanno scoperto e capito molte cose della costituzione del Cosmo, di come è fatto l’Universo e di come si sta evolvendo. Fra l’altro, si è scoperto che la realtà può essere differente da quello che sembra secondo i sensi ordinari: se tocco il piano di un tavolo mi sembra solido e massiccio, eppure la Fisica mi dice che, a ben vedere, la materia è composta più che altro da poche particelle separate in uno spazio che in larghissima parte è praticamente vuoto. Da un bel po’, insomma, non ha molto senso credere solo a quello che vediamo e tocchiamo. cosmico

Il progresso scientifico, di per sé, è fondamentale per capire cosa succede e come, e la massima stima va ai molti ricercatori che, a nome di tutta l’Umanità, si incaricano di dedicare la vita a scoprire le leggi che regolano il Cosmo e a utilizzarle per il benessere collettivo. Non possiamo che esprimere riconoscenza ai vari Newton, Galileo, Maxwell, Einstein e via dicendo per le loro rivoluzionarie intuizioni, le cui ricadute caratterizzano la nostra vita a tutt’oggi. materia-oscura2

Continua a leggere “SCIENZA E ARCHEOSOFIA – di Emiliano Sciarra”

TRADIZIONI A CONFRONTO: I PROFETI DI ISRAELE – di Emiliano Sciarra

profetismo 2

Il profetismo è un fenomeno caratteristico delle tre grandi religioni monoteistiche: Ebraismo, Cristianesimo e Islamismo, e «si può considerare uno dei più colossali movimenti spirituali dell’umanità[1]». L’Islamismo ha il Profeta per antonomasia, il «sigillo dei Profeti», Maometto, considerato l’ultimo e definitivo; il Cristianesimo annovera Giovanni Battista, Giovanni Evangelista autore dell’Apocalisse e, naturalmente, Gesù. Ma è nell’Ebraismo che la figura del profeta acquista un’importanza fondamentale. Non è un caso che gli scritti dei profeti costituiscono una parte rilevante della Bibbia Ebraica, la Tanàkh.
In effetti i profeti ebraici hanno costituito un aspetto originale in quanto diversi dagli oracoli, dalle sibille e dagli astrologi, e le loro indicazioni erano tenute nella più alta considerazione… a patto di saper distinguere fra veri e falsi profeti.
Ma uno degli aspetti più interessanti in assoluto è quello delle scuole di profetismo volontario, cioè istituzioni in cui si poteva cercare volontariamente il contatto diretto con l’Assoluto. 

Continua a leggere “TRADIZIONI A CONFRONTO: I PROFETI DI ISRAELE – di Emiliano Sciarra”